GMO’s some links

U.Chicago announces a RNA modification that yields 50% more in rice and potatoes https://news.uchicago.edu/story/rna-breakthrough-crops-grow-50-percent-more-potatoes-rice-climate-change

pretty good, if demonstrated, never take PR at face value. WIll it be easily accepted

UPDATE Derek Lowe wrote about it and exxplained a bit the role of FTO enzyme in animal and plants https://blogs.sciencemag.org/pipeline/archives/2021/07/28/one-lost-methyl-group-huge-amounts-of-food-production

Golden rice had a lot of trouble (vitamin A rich rice for developing countries) https://www.europeanscientist.com/en/agriculture/golden-rice-approval-in-bangladesh/

BT modification are blocked in some places, Italy and EU included. Bt is a transgenic modification, plants are modified with genes from Bacillus Thurigiensis and become resistant to some pests, which the bacillum is resistant itself http://www.bt.ucsd.edu/bt_crop.html

I managed to put all this together since I have been following Channa Prakash on Twitter https://twitter.com/AgBioWorld and he always curses the fools who do not allow Bt GMO’s in their countries, while the neighbour does and produces much more

Speaking of fools, we are always folled by randomness, As Taleb says, and Taleb says that transgenic modifications fall in higher risk class versus normal mutations, so we shild apply the precautionary principle https://www.fooledbyrandomness.com/PrecautionaryPrinciple.html

Government vs. Tech the comeback

After years watching the internet take life, live by its own and create the tech giants governments realized there’ is something wrong and are sharpening their knives

Biden tries to overcome Bjorkism and bring antitrust back to Brandeis, Noah Smith on the issue https://noahpinion.substack.com/p/the-economists-revolt

China cracks down on internet companies probably fearing that the superb economics of software growth would crowd talents out of less frivolous challenges “Why is China smashing its tech industry?” still Noah

Thiose less frivolous challenges is what we call “deep tech”, I never quiet understood this term until I decided that I would rename tech into “consumer internet” then “deep tech” becomes Tech

naturalismo, rassegnazione e monopoli digitali

capire cosa sono i monopoli digitali, come interferiscono con la nostra felicità on e offline, come si limitano, spaccano, combatto, regolano etc è poi così esoterico e fuori dalla nostra portata che una posizione molto tipica che ho notato, in cui sono passato anche io è:

è colpa delle economie di network, ci sono cosa ci possiamo fare

antitrust, ma se danno tutto gratis, non si può fare, non pensiamoci

poi tanta gente che non capisce il web lo fa per potere politico, non voglio essere uno di loro

in fondo, è naturale, è il mercato, ce l’hanno fatta, va bene così perchè se facciamo qualcosa dalla padella alla brace

molte cose vere ma messe in fila così fanno un ragionamento sbagliato, meglio studiare e studiando piano piano si riesce a mettere qualche punto fermo per reagire allo strapotere delle piattaforme, per sentirsi nel giusto nel farlo

per iniziare, quella cosa lì del “è gratis non si puà fare antitrust” , storia USA, l’antitrust nacque come una rezione politica alla strapotere dei cartelli, rockfeller e amici e l’azione era giustificata dallo strapotere che squilibrava la democrazia. Quindi in origine si pensava in termini di potere e tutela della democrazia

poi venne Bork negli anni 80 che cercò una definizione puramente economica, misurabile e da allora l’antitrust si faceva solo se c’era un pregiudizio per il consumatore, cioè aumento dei prezzi. Inapplicabile ora, e sarebbe insensato applicarlo perchè cambiano i tempi si possono aggiornare le interpretazioni, ed è quello che si deve fare. Ritorno a Brandies, consiglio la lettura di The urse of Bigness, Tim Wu

Questo però mi lascia ancora quello smarrimento intorno, se penso che Facebook è sbagliato così com’è, Zuck è colpevole per quello che è passato sulla piattaforma, le basi per i genocidi, per gli attacchi alla democrazia, per le stragi di qualche fuori di testa di 4chan, sono io che sono invidioso, pieno di odio, fondamentalmente un poveraccio in cerca di un capro espiatorio che incidentalmente sta sempre su Facebook ?

Fuck no, sono sul web da più di 20 anni, non era, così, era il web dei milioni di siti, non il mosaico di piattaforme di milioni e miliardi di utenti, tutte chiuse in se stesse. Scrivo su Linkedin e non so dove finisce, discuto in gruppi Facebook e non so come esportare. La portabilità dei dati, se ne parla, ma è una cosa statica, terminale, un backup.

Ecco, l’interoperabilità avversariale di Cory Doctorow, dovrei poter scrivere qui su e buttare in automatico su linkedin e facebook perchè loro non possono bloccare il mio wordpress che si logga come me e posta. Fantasie? eppure era e può essere così

come si giustifica ? il principio di concorrenza nei mercati, questo è la sua articolazione nello spazio del web.

Mandated interoperability, or rather adversarial interoperability “we need something that stops dominant firms from subverting standards—a penalty that they pay that is market-based, that impacts their bottom line, and that doesn’t rely on a slow-moving or possibly captured regulator but that, instead, can actually just emerge in real time. That is what I call “adversarial interoperability”: reverse engineering and scraping and bots”

Attractive profits, complements and value stacks

Laws of Tech: Commoditize Your Complement from Joel Spolsky essay about tech companies keeping control of chocke point in the tech stack, and commoditize the djacent stacks as a way of preempting competition

rekated, I think, the law of attractive profits by Clayton Christensen that states “When attractive profits disappear at one stage in the value chain because a product becomes modular and commoditized, the opportunity to earn attractive profits with proprietary products will usually emerge at an adjacent stage.” HBR breaktru ideas of 2004 https://hbr.org/2004/02/breakthrough-ideas-for-2004

Chris Dixon on complements https://cdixon.org/2009/09/10/non-linearity-of-technology-adoption

christensen and spolsky really say the same thing but chosse to show the arrow of causation in different directions, C is worried how the managers of an incumbent company, the sort of company that does portfolio decisions within an estabilished business, can chase profits in other segment of the value chain once they are commoditizied. SPolsky speaks to startups which have doggedly built a business in one segment and need preventing competition, in an environent marked by disruption

Progressivism

Progressiv-ism, -ism like in Illumin-ism which followed the dark ages, Progressivism comes after the Great Depression. The Great depression is the title of the book written by the economist Tyler Cowen. Tyler and the tech entrepenuer Patrick Collison, founder of Stripe, have started the filed of “Progressive Studies”. They did so when they wrote the piece “we need a new science of progress” https://www.theatlantic.com/science/archive/2019/07/we-need-new-science-progress/594946/ and now there is a page where you can check a lot of contributions to it https://patrickcollison.com/progress

Oh, in there, Zuck interviews Tyler Cowen and Patrick Collison. Zuckerberg looking at things, interviewing things https://about.fb.com/news/2019/11/a-conversation-with-mark-zuckerberg-patrick-collison-and-tyler-cowen/

Analogia

un libro inaspettato, eclettico e pieno di storie che non conoscevo, fondamentalmente autobiografia dell’autore, figlio di Freeman Dyson, cresciuto a Princeton ai tempi d’oro di von Neumann, nascita dei computer, della bomba H e del progetto di suo padre dell’astronave a propulsione nucleare

ma è anche un libro sui kayak, sulle popolazioni artiche e sulle propaggini più a sud, gli ulimi indiani di america, Geronimo e la Ghost Dance, i profeti del riscatto e della venuta dei fantasmi. Esplorazionio, epidemia e stragi.

Il tema che scorre lungo l’autobiografia è quello della dicotomia digitale-analogico e della teoria del continuo, ma è bella anche la storia delle valvole e come si costruiscono i kayak con le pelli, la “wave piercing hill” utilizzata nei design tradizionali alle alueutine e perso nella stabilizzazione del design ai tempi dei russi

e bello avere una casa sull’albero abusiva con vista su Vancouver, costruita con un albero vecchio di 600 anni, si può ancora fare ?

the great divergence

on the same day, BTC close to 50k USD and reading this in my inbox:

“getting money into the market was pretty hard. You need USDCoins, a stablecoin related to Ethereum. Polymarket tries to let you buy them directly, but their app wanted me to give them a security code which never showed up, so I gave up on this. Instead I bought some USDC at Coinbase and tried to send them over. But along with the usual Ethereum gas fees, they have something called a relayer, which is supposed to collect my money and put it in my account. And it’s apparently heavily backed up, and after two days my money is nowhere to be seen (though I believe them when they say that they’re trying their hardest and it will probably percolate through the Ethereum network someday). ” (that ws metaculus day on Astral Code, prediction market seems a perfdect application for blockchain)

but still the blockchain gold keeps climbing but useful applications seems nowhere to be found, at least for me who I’d be eager to move onto decetralized web.

Also corporate application of the watered down blockchains are going nowhere https://www.coindesk.com/ibm-blockchain-revenue-misses-job-cuts-sources

But I would not quetion BTC value, and Dogecoin value. I had expected that this value would have unlocked a new web for us users but uktemately it unlocked new users in the traditional web.

The Coursera course in finance, the Nobel prize professor tells of Carnegie, the job of an investor is getting rich young and then devote to charity. This is a perfect sensible advise, a perfect acceptable career and it is probably what is going on the blockhains. BTC is the gold, hordes of hodlers pumped up on the same FOMO of social networks, The master of Twitter plays along.

so the value of an asset if the social construct of the beliefs held by the particpants to that market, blahblahblah but that’s the idea. If they had set to a finite number the banknotes in the mmonopoly game, the cardboard one, no digital and told you that if anough poeple bought it you could get rich and overturn the central banks. WoW could have done it. Well BTC is decentralized and better, though maybe Monopoly and Wow are more fun.

This is the great divergence, the price is there, is there some fun on the blockchain ?

Resilienza a spasso nei boschi

a spasso per i boschi, su una mulattiera della pendenza giusta per un uomo e unmulo da soma, salire senza fare un metro di sviluppo in più

Non so perchè pesno all’episodio dei muli e dei tedeschi nel “Sergente nella Neve” (visto il titolo di questo sito la citazione ci sta) La< resileinza dei muli nella ritirata di russia, il gasolio finisce, il mulo continua ad andare e poi purtroppo te lo puoi anche mangiare

ecco, si parla di resilienza anche nei programmi del governo, ridaranno i muli agli alpini per affrontare al meglio ogni rotta, rottura, urto ?

E se il governo ricerca la resilienza, non è venuto il momento permttere le subreti elettriche private ? Cioè permettere ai privati che hanno pannelli solari o pale eoliche di collegrasi con i proprio fili senza sottostare al monopolio della rete. Poi la rete serve sempre ma il giorno che va giù se tutti hanno pannelli o pale, auto elettriche e pompe di calore, si tirano cavi tra vicini, si creano piccole reti di villaggio, qualcosa si accrocchia. Oggi no

E poi Zoom ci mostra la resilienza della rete, continuare a lavorare e studiare da remoto, ma non è zoom a essere resiliente, è la rete,. Non è la piattaforma glibale che gira sulla rete, è il protocollo della rete che fa girare tutto il resto a essere resiliente.

La piattaforma poi lo può essere, ma non lo sei tu che la usi, ogni volta che usi una piattaforma invece di contare su te stesso e un protocollo di comunicazione, non sei resiliente. Al limite, ti de-piattaformano e sei fregato. Ma ci sono altri scenari, anche peggiori, la resilienza deve essere la tua di user, non della piattaforma e dei suoi proprietari

Se il proietario è un umanista la piattaforma da èpotere agli user, vedi wikipedia, se il proprietario è un darwinista o peggio un ubermenshista allora la resilienza definitiva è quella di comprare casa e cittandinanza in Nuova Zelanda, dove sotto la casa ci costruisci un bunker antitutto e allora sei resiliente anche in uno scenario estremo di milioni di eletti che sopravvivono invece dei 10 milairdi a cui tendiamo oggi

Ma sto divagando, i rfierimenti sono chiari ma a me interessa parlare di protocolli che mi rendo resiliente a moltoi shock che potrebbero colpire le pèiattaforme. Scrivo tanto su piattaforme e diciamo che una cosa mi tutelerebbe, un protocollo concordato implementato da tutte le piattaforme per fare backup di ogni cosa che scrivo su un mio nodo, e il mio nodo sarebbe una mia identità più resiliente di ogni home in giro per il web

Credo che questa cosa venga chiamata portabilità, non so se io la capisco così solo ora alla luce della richiesta di resilienza o se la mia sia una posizione più estrema, di ritorno ai protocolli. Però, ecco, un governo che parla di resilienza dovrebbe obbligare tutte le piattaforme che voglio avere i propri cittadini come user, a utilizzare questo protocollo che ricollega tutti i bits e i crumbs e i posts e le chat e le foto i video i meme e le gif insomma tutto al nodo personale, secondo le preferenze dello user

quindi, è vero che anche l’azione antitrust serve a rendere tutto resiliente, ma ritorniamo ai protocollo riaggreghiamo tutto istantaneamente nei nodi personali

the net generation will call them …

Gamestoppers they are the ones who face reality with the POV of a shooter, don’t move without the company of the posse met on the shittiest server of that box game, nothing moves them more than defending a meme or trope o childhood memory

you are trying to get rich not working and check on reddit7stockpicks, you see your beloved childhood brand being destroyed by a short seller, I mean tha place where you would swap used disks and get rebates on your old console. How dare they?

you shortsquezze them with your reddit buddies and of course, 19th century sotckmarket meets a videogame mob of last generation, who wins?

so you deserve to be the gamestopper, I am sure that bodes well for the future, your older brothers complain that boomers fucked the planet for them, you will stop their games, WTF it is videogame mob of last generation against thos 20th century types. And the fund they call them Citron, losers

and because it is cool now in tech world to quote the most ridicuolous book of the last century, Fukuyama end of history, I quote it, this is the hyperthymic generatiopn, google the term and you know what to expect

maybe you want to read the facts not the rant https://www.bloomberg.com/news/articles/2021-01-22/gamestop-tug-of-war-gives-reddit-army-a-win-on-record-volatility

Invention and innovation

Interesting read, inventors are connected in 18th century UK and crisis spur innovation based on inventions invented before, independently from new needs brought about by crisis

https://antonhowes.substack.com/p/age-of-invention-upstream-downstream

On this issue, invention and innovation I just read the introduction to the book The lever of Riches by Joel Mokyr



Inventors goes to the US and create growth, Twitter 3d https://mobile.twitter.com/calebwatney/status/1354095703467941893

A chart of inventor balance in the 10s